Riconoscere la vescica iperattiva

Come funziona la vescica?

La vescica è un serbatoio che viene riempito dall’urina prodotta dai reni. Quando la vescica è piena, parte un’informazione verso il cervello e si sente “voglia di urinare”. La vescica è quindi controllata dal cervello

Dei recettori situati nella parete della vescica indicano al cervello quando è necessario agire. Il cervello invia un messaggio al muscolo della vescica per chiedergli o di dilatarsi (per immagazzinare l’urina) o di contrarsi (per evacuare l’urina). 

Cos’è la vescica iperattiva?

Si tratta di una sindrome clinica caratterizzata da contrazioni muscolari involontarie della vescica che, in alcune persone, creano una voglia improvvisa e irrefrenabile di urinare. Questa disfunzione della vescica compare in un qualsiasi momento della giornata. 

Sintomi

La vescica iperattiva è definita come l’urgenza di urinare, generalmente associata alla manifestazione di uno o più dei sintomi seguenti : 

Urgenza

necessità di andare in bagno in modo precipitoso.

Pollachiuria

necessità di andare in bagno almeno 8 volte al giorno.

Nicturia

ci si risveglia almeno 1 volta per notte per andare in bagno.

Incontinenza da urgenza

non si riesce a trattenersi.

L’impatto sulla qualità della vita delle persone affette da questa sindrome è notevole. Le loro giornate sono spesso caratterizzate da situazioni imbarazzanti e il loro sonno notturno è discontinuo.

Ne sono interessati uomini e donne di ogni età. Gli studi dimostrano che il 15% della popolazione è affetta da questa sindrome e tale percentuale aumenta con l’età. Dal 30 al 40% delle persone di più di 75 anni ne è affetto.

È molto importante parlarne con il medico curante fin dai primi segni. Potrà seguirvi e orientarvi verso uno specialista che determinerà se la neurostimolazione del nervo tibiale posteriore con Tensi+ sia un trattamento adatto a voi.

 

I trattamenti

Regole igienico-dietetiche

Il primo consiglio dato dal medico è adottare regole igienico-dietetiche: perdere peso, smettere di fumare, ridurre il consumo di tè, tisane, caffè e limitare il consumo di bevande a 1-1,5 L/giorno. 

Misure comportamentali

È importante partecipare alla gestione della propria malattia. I medici consigliano auto-esercizi per il pavimento pelvico, forniscono consigli per regolare l’orario delle minzioni e chiedono spesso alle persone che soffrono di vescica iperattiva di tenere un calendario minzionale

Fisioterapia perineale

La rieducazione permette di ridurre le perdite quando i muscoli perineali si contraggono con maggiore difficoltà. In particolare, il rinforzo muscolare svolge un ruolo importante nel ridurre il riflesso di contrazione della vescica. 

Neurostimolazione del nervo tibiale posteriore per via transcutanea (TENS)

La stimolazione del nervo tibiale posteriore permette di agire sul controllo del riflesso minzionale. Tramite Tensi+, i pazienti tratteranno la loro iperattività vescicale per riprendere il controllo della propria vescica.   

Farmaci

Il trattamento farmacologico blocca l’azione dei recettori nel detrusore della vescica ed evita la contrazione involontaria. 

Altri trattamenti

come iniezioni di tossina botulinica, neuromodulazione sacrale e chirurgia, sono invasivi e vengono presi in considerazione in caso di fallimento delle terapie precedenti. 

Fonti :

1Haab F. et al. Terminologie des troubles fonctionnels du bas appareil urinaire : adaptation française de la terminologie de l’International Continence Society. Prog Urol 2004;14:1103-11.

2Agence Nationale d’Accréditation et d’Evaluation en Santé (ANAES). Recommandations pour la pratique clinique. Prise en charge de l’incontinence urinaire de la femme en médecine générale. Saint-Denis La Plaine ; ANAES : 2003